Claudio Zilli “Anna al piano”

claudio-zilli-01Claudio Zilli ci racconta com’è nata la sua canzone “Anna al piano” di cui vi consigliamo l’ascolto.

Claudio: La canzone nasce dopo delle confidenze fatte da un’amica… la quale vedendo le cose un po’ nel verso oscuro diciamo… le ho fatto presente che nonostante le difficoltà che ci sono deve sempre e comunque credere in se stessa e andare avanti… come appunto seguire la propria passione, in questo caso la musica… ma vale anche per tutto il resto perché per chiunque se si crede in se stessi il futuro è alle porte…
Una volta a casa scrissi questo testo che feci poi rivedere a Pasquale De Feo… lui stesso poi ne ha creato la melodia.

Contatti e link di CLAUDIO ZILLI:
RainStarsFacebookTwitterYouTubeiTunesSpotifySoundcloud


ANNA AL PIANO

Testo: Claudio Mazzilli e Pasquale De Feo
Musica: Pasquale De Feo
Registrata presso L’Albicocca Studio
Mixaggio e arrangiamenti: Nicco Verrienti

ANNA AL PIANO

Anna seduta al piano è lì che aspetta
la fine di un altro giorno passato in fretta
Persa tra bianco e nero, tra terra e cielo
non sa più cos’è giusto né cos’è vero
Dopo tanto pianto vuole ridere
lei di tanto in tanto vuol sorridere

Anna ha perso un sacco di cose
certe inutili ed altre preziose
quelle belle che han fatto più male
solo il tempo le può cancellare
ma da un livido nasce una rosa
e il dolore le insegna qualcosa
ora sente le mani tremare
ad un tratto comincia a suonare

Anna seduta al piano, la vita è questa
sia che splenda il sole o sia tempesta
ma quando anche un bacio diventa amaro
niente ti dà sollievo, non c’è riparo

E pareti sussurranno ricordi
e lei distratta nemmeno se ne accorge
cancella e scrive su quei fogli
canzoni allegre sulle cose storte
Dovrà passare questo momento
e rinventarsi poi tutto di nuovo nel tempo

Anna ha perso un sacco di cose
certe inutili ed altre preziose
quelle belle che han fatto più male
solo il tempo le può cancellare
ma da un livido nasce una rosa
e il dolore le insegna qualcosa
ora sente le mani tremare
ad un tratto comincia a suonare

Quando senti le ali tremare
puoi soltanto imparare a volare